Ovodonazione con sperma di donatore

FIVET con donazione di sperma e ovuli da parte di un donatore

La donazione di ovuli o di sperma da parte di un donatore è una tecnica in cui una donna giovane e sana decide di donare i propri ovuli, in modo anonimo e altruistico, a centri di riproduzione assistita per l’utilizzo da parte di altre donne o coppie che hanno problemi di fertilità femminile.

Gli ovuli donati vengono fecondati in laboratorio dallo sperma di un donatore anonimo accuratamente selezionato. Quelli fecondati con successo vengono osservati per diversi giorni fino a quando gli embrioni di migliore qualità vengono trasferiti nell’utero della madre. Si tratta della tecnica di riproduzione assistita più efficace, che consente di ottenere alti tassi di gravidanza.

Che cos’è la donazione di ovuli con sperma di donatore?

Nella donazione di ovuli, una donna giovane e in salute decide di donare altruisticamente i propri ovuli alle cliniche di riproduzione assistita affinché altre donne o coppie con problemi di fertilità femminile possano ottenere una gravidanza.

La donatrice di ovuli deve soddisfare determinati requisiti per poter partecipare al programma di donazione di ovuli:

  • avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni,
  • essere in perfetta salute, sia fisica che mentale
  • hanno un’anamnesi familiare che garantisce che non trasmetteranno malattie genetiche,
  • ereditarie o malformazioni congenite,
  • essere sottoposti a screening per garantire che non trasmettano malattie sessuali o infettive,
  • sottoporsi allo screening della fertilità,
  • non più di 6 nati vivi tra precedenti donazioni e figli propri.

Affinché il trattamento di FIV con donazione di ovociti abbia successo, i cicli mestruali della donatrice e della ricevente devono essere sincronizzati.

La donatrice verrà avviata alla somministrazione di un farmaco anovulatorio, che verrà ritirato prima di iniziare la stimolazione ovarica.

La donna donatrice di ovuli sarà sottoposta a stimolazione ovarica, utilizzando ormoni gonadotropinici simili a quelli prodotti dalla donna stessa. La donatrice svilupperà diversi follicoli per ottenere diversi ovociti durante il ciclo. Questa stimolazione ovarica sarà monitorata periodicamente con ecografie ed esami del sangue.

Quando diversi follicoli avranno raggiunto le dimensioni adeguate, circa 18 mm di diametro, verrà somministrato l’ormone hCG per innescare la maturazione finale degli ovociti.

La puntura follicolare viene eseguita da uno specialista della fertilità, che estrarrà gli ovociti maturi mediante puntura follicolare e per via vaginale. Durante questo processo, la donatrice rimane sedata; la procedura è minimamente invasiva, dura meno di 15 minuti e consente alla donatrice di tornare immediatamente al lavoro.

Nel frattempo, la ricevente degli ovuli deve sottoporsi a un trattamento di preparazione dell’endometrio per poter ricevere gli embrioni.

Alla donna ricevente verrà praticata un’iniezione di un analogo del GnRH il 22° giorno del ciclo mestruale per desensibilizzare l’ipofisi. Non appena le mestruazioni si interrompono, si inizia un trattamento estrogenico, a dosi crescenti, per ottenere un adeguato spessore endometriale, che verrà valutato con un’ecografia vaginale. Quando l’endometrio sarà cresciuto, la ricevente sarà pronta per effettuare il trasferimento dell’embrione.

Il giorno della puntura follicolare della donatrice, gli ovociti saranno recuperati e inseminati da spermatozoi provenienti da un campione di sperma ottenuto da un donatore anonimo.

A seconda delle caratteristiche del campione di seme utilizzato e dell’anamnesi del paziente, l’inseminazione verrà effettuata mediante FIV convenzionale e/o ICSI.

Nella FIV convenzionale, gli ovociti di una donatrice recuperati e gli spermatozoi più capaci di un donatore anonimo vengono messi a contatto in una piastra di laboratorio e si prevede che uno di essi fecondi l’ovocita della donatrice.

Con l’ICSI (iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi), l’embriologo inserisce uno spermatozoo selezionato dal campione di seme del donatore anonimo in ciascun ovocita con l’aiuto di un micromanipolatore e di un microago, direttamente in laboratorio.

Gli embrioni che sono stati fecondati con successo saranno tenuti in laboratorio sotto osservazione per diversi giorni. Durante questo periodo, gli embrioni saranno osservati mentre si dividono e il numero di cellule aumenta.

Gli embrioni risultanti che hanno le caratteristiche morfologiche appropriate saranno trasferiti nell’utero della donna ricevente e, se ci sono embrioni in eccesso, saranno congelati.

Il giorno del trasferimento si deciderà il numero adeguato di embrioni da trasferire, ma non più di tre per ciclo.

Il ginecologo utilizzerà un piccolo catetere per guidare gli embrioni attraverso la cervice e depositarli nell’utero. La procedura di trasferimento degli embrioni dura solo pochi minuti e il tempo di recupero della paziente è minimo.

Il test di gravidanza verrà eseguito con un esame del sangue 13 giorni dopo la puntura follicolare della donatrice. Se la paziente subisce perdite di sangue prima del test, è importante che non interrompa mai l’assunzione del farmaco e che contatti l’équipe medica per un consiglio.

Per tutta la durata del trattamento di fecondazione in vitro, la vostra assistente personale sarà sempre a disposizione per rispondere a qualsiasi domanda e per sostenervi in questo momento speciale.

fasi della fecondazione in vitro con donazione di ovuli e sperma da donatori anonimi

Per chi è indicata questa tecnica?

L’ovodonazione con sperma di donatore è indicata per

  • Coppie in cui il partner maschile presenta un fattore maschile grave, scarsa qualità dello sperma o azoospermia.
  • Coppie in cui l’uomo è portatore di una malattia genetica che non può essere diagnosticata con la PGD.
  • Coppie in cui la donna ha un’insufficienza ovarica dovuta a menopausa, insufficienza ovarica precoce o chirurgia ovarica.
  • Coppie in cui la donna è in età avanzata.
  • Coppie in cui la donna non può utilizzare i propri ovociti perché di scarsa qualità.
  • Coppie in cui la donna ha ripetuti fallimenti dell’impianto in FIV.
  • Coppie in cui la donna è stata sottoposta a interventi chirurgici, chemioterapia e radioterapia.
  • Coppie in cui la donna presenta anomalie cromosomiche e gravi malattie ereditarie che non possono essere individuate con le tecniche di PGD.
  • Coppie che hanno subito ripetuti aborti spontanei.
  • Coppie che hanno fallito altre tecniche di riproduzione assistita.
  • Donne senza un partner maschile che desiderano rimanere incinte e diventare madri da sole.
  • Coppie femminili dello stesso sesso.
RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Alla VITA abbiamo un team di specialisti che si occupa del processo di selezione delle donatrici di ovociti e del loro successivo coordinamento con le pazienti riceventi.

Promociones
81% Tasso cumulativo

La prima gravidanza ottenuta mediante donazione di ovociti è stata riportata in letteratura nel 1983 dal gruppo di Trounson et al.

La donazione di ovuli in Spagna è altruistica, anonima e completamente legale.

L’ovodonazione è uno dei trattamenti più semplici per la paziente, poiché non è necessario sottoporsi alla stimolazione ovarica o alla puntura follicolare.

Da dove vengono le donatrici di ovuli?

Le donatrici di ovuli, secondo la legislazione spagnola sulla donazione di ovuli, devono soddisfare determinati requisiti. Devono avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, essere in buona salute fisica e mentale e non soffrire di malattie genetiche o sessualmente trasmissibili.

Le donatrici sono donne giovani e premurose che decidono liberamente di compiere un atto altruistico e anonimo per aiutare altre donne a realizzare il loro sogno di diventare madri. Tutte le donatrici vengono sottoposte a un “Donor Screening“, un rigoroso controllo medico e psicologico per garantire la massima qualità e sicurezza dei trattamenti.

I donatori vengono sottoposti a un check-up medico completo in cui vengono valutate le malattie, la storia familiare e le abitudini personali. Vengono effettuati un test psicologico, un esame ginecologico, un’ecografia ed esami del sangue, oltre a uno studio genetico per i portatori di malattie autosomiche recessive.

Se tutti i test hanno dato esito positivo, la donatrice viene inserita nella nostra banca dati dei donatori finché non si trova un potenziale ricevente compatibile con il suo fenotipo (caratteristiche fisiche).

Da dove vengono i donatori di sperma?

I donatori di sperma, secondo la legislazione spagnola sulla donazione di sperma, devono soddisfare determinati requisiti. Devono avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, essere in buona salute fisica e mentale, avere una buona qualità dello sperma e non soffrire di malattie genetiche o sessualmente trasmissibili.

VITA si avvale della banca di donatori di sperma CEIFER, i cui donatori sono sottoposti a uno studio rigoroso ed esaustivo per garantire la qualità dei trattamenti. Il donatore sarà sottoposto a diversi test e studi, come una valutazione medica iniziale, un test psicologico, uno studio della qualità seminale, uno studio genetico e uno studio delle malattie infettive, delle malattie sessualmente trasmissibili, ecc.

Tutti i donatori di sperma vengono sottoposti allo “Screening del donatore“, uno studio dei portatori di malattie genetiche autosomiche recessive. Attraverso questo test è possibile individuare le più comuni malattie genetiche autosomiche recessive. Inoltre, per assegnare il donatore si utilizza il “Genetic Matching”, un protocollo per garantire che donatore e paziente non condividano mutazioni negli stessi geni.

Potreste essere interessati a

Altre notizie sul blog VITA
Abbiamo iniziato con molta paura, perché avevamo tutte le nostre speranze e c´erano molti dubbi. Ma a poco a poco, il medico ci ha spiegato tutto passo per passo, e così abbiamo iniziato con le cure e i farmaci, finché finalmente è arrivato il giorno del trasferimento. E oggi stiamo ancora aspettando con gioia l´arrivo del nostro bambino.
Blanca, Benidorm
A titolo personale, vorrei approfittare di questo momento per ringraziare il Dr. Moya e il Dr. Carracedo. Non solo per la loro eccezionale professionalità, ma anche per un trattamento umano che raramente, se non mai, ho visto in questo lungo cammino. Abbiamo bisogno di più persone come loro.
Belén, Torrevieja
  Whatsapp
  Contatto